Bonus pubblicità 2020

Home/Bonus pubblicità 2020

Evviva il Bonus pubblicità!

Il Bonus Pubblicità è un’agevolazione fiscale per le aziende inserita nell’ambito del decreto Cura Italia, il quale ha introdotto alcune novità per contrastare l’emergenza Covid-19 e dare un contributo in questo momento difficile. 

Il Bonus, viene concesso sul 30% dell’investimento pubblicitario del 2020. In tempi non sospetti, nel 2018 precisamente con la legge di bilancio, si offrivano importanti agevolazioni alle aziende e ai liberi professionisti che investivano in campagne pubblicitarie, su testate online e offline. Il bonus pubblicità in quel caso era una agevolazione erogata come credito di imposta al 75% della spesa incrementale sostenuta in pubblicità rispetto all’anno precedente. Allo stesso tempo l’investimento doveva essere almeno dell’1% in più rispetto all’anno precedente e sosteneva solo la pianificazione di advertising, tagliando di fatto tutti gli altri investimenti.

Con il Coronavirus e il conseguente disastro dopo e durante in periodo di lock down, il decreto legge del 16 marzo 2020 vede dei cambiamenti positivi e sostanziali legati al bonus pubblicità. Innanzitutto si tratta del 30% dell’intero investimento pubblicitario sostenuto nel 2020 dalle aziende, con un limite di spesa di 27,5 milioni di euro.
Facciamo un esempio concreto, se faccio un investimento di 10.000,00 euro + iva, potrò ridurre le mie imposte di 3.00,00 euro + iva. Le domande possono essere tranquillamente presentate on line sul sito dell’agenzia delle entrate, caricando il documento “Comunicazione per l’accesso al credito d’imposta” che dovrà mostrare tutti gli investimenti da fare sull’anno e quelli già fatti. Scarica qui il modulo.

L’elaborazione dell’elenco dei soggetti che hanno fatto domanda è affidata al Dipartimento per l’informazione e l’editoria, mentre dal 1° al 31 gennaio del 2021 sarà necessario inviare la cosiddetta “Dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati”, ai sensi dell’articolo 47 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, che attesta l’effettiva realizzazione degli investimenti durante l’anno e che sono stati presentati dal richiedente.

Insomma, ci siamo, non possiamo smettere di comunicare e non possiamo permettere a quanto è successo di averla vinta. Le aziende devono avere un modo per trovare nuovi canali, migliorarsi, scoprirsi e inventarsi di nuovo, come solo noi italiani sappiamo fare. E poi…diciamolo a tutti quanto siamo bravi, che non basta mai.

Benvenuto bonus.

Elisa Facchinetti

Se vuoi commentare o contattarmi, questo articolo è stato scritto da

ELISA FACCHINETTI

DIRETTORE CREATIVO

Puoi leggere anche

2020-05-20T18:30:07+02:00